Boatnews

Volvo Penta, ecco il nuovo strumento di supporto per la propulsione elettrica


Volvo Penta ha lanciato una nuova gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile, un elemento chiave per la propulsione elettrica delle imbarcazioni, a dimostrazione dell’impegno dell’azienda nel guidare l’industria nautica nella trasformazione verso una propulsione marina sostenibile.

La gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile, ora parte integrante dell’offerta marina di Volvo Penta, permettere ai cantieri navali di installare oggi sistemi di propulsione modulare ibrida-elettrica. Questo importante passo verso la propulsione modulare consente agli operatori di investire in nuove imbarcazioni con la tranquillità di sapere che sono state costruite pronte e adattabili alle emergenti fonti di energia alternativa.

Una tecnologia innovativa che consente di costruire imbarcazioni con banchi di batterie più piccoli e di caricarle durante gli spostamenti, rendendo il passaggio alla propulsione marina ibrida-elettrica più conveniente e accessibile oggi. Questa tecnologia è già utilizzata da clienti Volvo Penta, come la Swedish Transport Administration e MHO-Co.

Volvo Penta offre la gamma con modelli che partono dal D8, 190 kWe e arrivano fino a 545 KWe per il D16. Oltre alla capacità della gamma di migliorare le credenziali di sostenibilità di un’operazione, tutti i motori diesel Volvo Penta possono funzionare con carburante HVO 100, anziché con il diesel standard, per ridurre le emissioni di CO2 fossile fino al 90%, offrendo una soluzione robusta e sostenibile per il presente.

“Rendendo più disponibili i nostri gruppi elettrogeni marini a velocità variabile Volvo Penta, facciamo un ulteriore passo avanti nel nostro percorso verso una maggiore propulsione elettrica e a celle a combustibile per l’industria nautica”, ha dichiarato Johan Inden, responsabile del settore marino di Volvo Penta. “Ora un maggior numero di imbarcazioni sarà in grado di installare sistemi di propulsione ibridi modulari pronti per essere adattati alle scelte energetiche future, garantendo nel contempo importanti vantaggi in termini di sostenibilità ed efficienza dei consumi fin dal primo giorno.”

Come funziona

Un’installazione tipica prevede l’installazione di una serie modulare di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile per alimentare le unità elettriche con o senza batterie. Questo sistema di rete a corrente continua (DC) è facile da aggiornare con fonti di energia alternative e presenta un numero inferiore di componenti, con un peso minore, soprattutto se paragonato alle batterie come unico vettore energetico, rendendo l’imbarcazione più efficiente. L’installazione modulare offre anche la possibilità di utilizzare il numero minimo di motori per fornire la potenza necessaria, in modo che i gruppi elettrogeni marini siano in grado di funzionare nel punto di massima efficienza.

La flessibilità di un’installazione modulare è ulteriormente amplificata dal fatto che i nuovi gruppi elettrogeni marini a velocità variabile Volvo Penta, in ciascuna delle rispettive gamme di potenza, sono le soluzioni più compatte e conformi alle più recenti normative IMO Tier III. Sono inoltre raffreddati ad acqua, il che significa meno rumore e più efficienza per gli armatori.

(Volvo Penta, ecco il nuovo strumento di supporto per la propulsione elettrica – barchemagazine.com – Settembre 2022)



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Boat

Next Article:

0 %