Designnews

Void Climbing di Aster Verrier


Come sarebbe arrampicarsi se il mondo fosse una superficie completamente piatta, senza picchi e senza montagne? A suggerire un’alternativa, il designer (e scalatore) Aster Verrier, giovane studente iscritto al master di Contextual Design alla Design Academy Eindhoven che presenta, in occasione della Dutch Design Week 2022, Void Climbing. “Le conseguenze dei cambiamenti climatici hanno un impatto sempre maggiore sugli sport di montagna”, si legge nella descrizione del progetto che intende, secondo l’autore, “proporre agli scalatori di salire orizzontalmente, usando il terreno come una parete rocciosa”.

void climbing di aster verrier

Void Climbing di Aster Verrier

Ronald Smits

Immaginando la dimensione del mondo fisico come un upside-down reale, il risultato è una pedana srotolata a terra che sfida l’esercizio fisico e la concentrazione mentale secondo una direzione diversa. Spostando l’attenzione dal perpendicolare al parallelo nella proiezione apocalittica di una Terra senza vette. “A tal fine sono stati sviluppati un pavimento di arrampicata con una griglia che facilita la composizione della propria via di arrampicata attraverso diverse trame, un’imbracatura e un body che migliorano la resistenza e il senso di gravità”. Il senso, anche un po’ provocatorio, stuzzica il genio creativo con l’obiettivo di rispondere a un quesito ai limiti dell’assurdo: cosa sarebbe l’arrampicata, e che ruolo giocherebbe il design, in un mondo piatto?

asterverrier.xlv.works



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
1
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Design

Next Article:

0 %