Cookingnews

tutte le notizie e i regali a tema food


Il viaggio è il tema delle food news di maggio 2022. Che sia un’esplorazione della città, come ci suggerisce di fare la Milano Restaurant Week, o l’incontro con sapori che vengono da lontano (vedi l’Asia de La taverna di mezzanotte), un salto al Festival di Cannes con Campari o la riscoperta del nostro territorio nel nuovo gusto dolceamaro del radicchio Igp, questo mese ci esorta a volare leggeri verso nuove scoperte. I ristoranti riaprono per la stagione, con le loro terrazze affacciate sul mare di Capri, giardini densi di storia in cui fare picnic o viste mozzafiato sullo skyline milanese, aspettando gli appassionati di food per esperimenti culinari che sanno di una stagione in fiore. C’è già chi pensa all’estate degustando un gelato o una bevanda fresca, chi si concede una pausa ascoltando un podcast tra storia e cibo. Da Brescia a Roma, dalla pizza gourmet a quella campana, i gusti di stagione ci invogliano a scoprire, in diverse sfumature, la mappa della nostra quotidianità. Ecco le nostre food news di maggio 2022.

Pubblicità – Continua a leggere di seguito

1

Riapre il Rotonda Bistrò di Milano

Con le luci prolungate della primavera, torna ad animarsi Rotonda Bistrò, fulcro dell’accoglienza gastronomica alla Rotonda della Besana di Milano. Cuore del bistrò sono il menù creato dallo chef stellato Tommaso Arrigoni e i cocktail ideati da 1930 di Fabio “Benjamin” Cavagna. Oltre a permettere un’esplorazione culinaria, Rotonda Bistrò esprime la sua funzione sociale nel rispetto del bando del Comune di Milano. Gli spazi del locale si fondono con la settecentesca chiesa di San Michele Arcangelo ai nuovi sepolcri e il MUBA, il Museo dei bambini, separato, all’occasione, solo da tendaggi. Così colazione, pranzo, merenda, aperitivo, picnic (e più avanti nel tempo anche cena) diventano un tutt’uno con le volte a vela del porticato circolare, il passato e il presente della struttura. Il menù creato per Rotonda Bistrò propone il meglio dei classici della cucina italiana. Dai salumi D.O.P. e IGP, ai primi piatti interregionali, dalle uova con parmigiano e carciofi, fino alla guancetta di maiale e al filetto d’ombrina. Sul menù si trovano anche mezze porzioni, una scelta collegata al MUBA, per stimolare la curiosità dei bambini anche a tavola, creando un percorso educativo e culturale per i palati più giovani, inesperti ma spesso ugualmente curiosi.

2

Dal 2 all’8 maggio c’è la Milano Restaurant Week

Cosa significa Restaurant Week? Un itinerario gastronomico per le vie della città, Milano che si fa cucina aperta per permettere a tutti di esplorare i suoi mille sapori, con menù speciali a prezzi fissi. Dal 2 all’8 maggio prende il via la seconda edizione di Milano Restaurant Week, durante la quale i locali aderenti all’iniziativa proporranno degustazioni dai 20 euro agli 80+. L’occasione per provare quel ristorante a cui pensavamo da tempo diventa realtà andando semplicemente sul sito restaurants.yesmilano.it e prenotando la propria esperienza. Attraverso la scoperta di specificità culinarie, a partire dalla cucina tradizionale regionale, fino alla cucina fusion asiatica, quella sudafricana e caraibica, possiamo esplorare Milano e i suoi quartieri. Un itinerario capillare, dal Duomo a Gratosoglio, passando per Turro. È qui che si trova Manna, uno dei locali che hanno aderito alla Milano Restaurant Week e dove, per l’occasione, lo chef Matteo Fronduti propone un menù vegetariano. Tra le prelibatezze, l’antipasto A merenda, cavolfiore arrosto, liquirizia, uvetta e dragoncello; il primo piatto Quasi Milano, riso mantecato e pistilli di zafferano; il dolce Bloody Beetroots, barbabietola, rabarbaro, mascarpone e cardamomo. Quest’anno la Milano Restaurant Week intende sottolineare una visione equa e rispettosa dell’ambiente affinché sia possibile una corretta evoluzione del rapporto tra il cibo e la città. Tra le buone pratiche promosse rientrano l’uso di prodotti a km 0 provenienti dalla filiera corta dell’area metropolitana, l’incentivo alla doggy bag e la proposta di menù vegeterariani e vegani.

Il cocktail perfetto da servire per la primavera è a base di Tanqueray No Ten. Distillato in piccoli lotti con le quattro botaniche originali del London Dry e l’aggiunta di pompelmi interi freschi (arance, lime e fiori di camomilla) Tanqueray No Ten Gin porta un’esplosione di agrumi freschi ad ogni sorso. Ecco allora che il Ten & Tonica è il cocktail gustoso e semplice da gustare per tutta la stagione e realizzare a casa o servito dai migliori bartender.

Ingredienti:
50ml Tanqueray Ten
50 ml Acqua tonica o soda

Preparazione:
In un bicchiere alto mescola il Tanqueray No Ten con acqua tonica e soda. Infine guarnisci con uno spicchio di pompelmo.

Erbert è la start up nata nel 2018 da un’idea di Enrico Capoferri con l’obiettivo di avere un impatto positivo per la società rendendo facile il mangiare sano e gustoso tutti i giorni. A giugno 2020 apre a Milano in via Moscati 11, zona Sempione, il primo concept store a marchio erbert: un food market con cucina che offre un vasto assortimento di prodotti freschi, salutari, a prezzi accessibili, con focus su frutta, verdura e piatti pronti.A novembre 2021 erbert raddoppia e apre il suo secondo store: nasce il format “ready to eat”, in Via Mazzini, 22, a pochi passi da Piazza Duomo. Dimensioni ridotte per una pausa pranzo all’insegna del benessere, per uno sfizioso spuntino o per una colazione diversa dal solito, comodamente seduti al lungo social table.Ad aprile 2022 apre il terzo punto vendita: un Food Market con cucina in Piazza Quasimodo, 2 all’interno del Vetra Building. Con la sua crescente espansione Erbert vuole portare in tavola cibi sani e naturali: non utilizza aromi artificiali e conservanti e al loro posto impiega sapientemente erbe aromatiche. Buono significa anche sostenibile: per questo i pack dei prodotti preparati da erbert sono costituiti al 100% da materiali compostabili.

Bao Lab è un laboratorio dedicato all’arte del vapore e allo studio delle ricette tradizionali, con un tocco gastronomico, che
asce nello storico quartiere del Quadrilatero Romano di Torino, in via Barbaroux 28 per volontà di Davide Di Stefano e Paolo Toffoletto. Il delivery service arriva in tutta la città e porta deliziosi
gua bao, soffici paninetti a mezzaluna di pasta lievitata, tipici della provincia di Fujian, nella zona sud-orientale della Cina.
La tecnica e la creatività si uniscono ai prodotti di prima scelta. La sapidità tipica della cucina di Fujian si completa con le proposte dello Chef Niccolò Giugni del ristorante Razzo. Oltre ai tredici bao d’eccezione, il menu Bao Lab si completa con due proposte fritte e coi mochi preparati con pasta di riso glutinoso, nelle varianti dolci o salate. Il menù offre anche acque in brick di cartone Bao Lab, le birre artigianali lager e blanche del brewer torinese Edite i saké Junmai.

6

La nuova campagna Make Pizza di Ooni Pizza Ovens

La nuova campagna Make Pizza firmata Ooni Pizza Ovens invita tutti gli appassionati del mondo food a mettere le mani in pasta. Dagli indispensabili accessori ai potentissimi forni che, in soli 60 secondi, restituiscono pizze dal sapore intenso e dall’aroma inebriante, Ooni Pizza Ovens offre un’ampia gamma di prodotti utili per realizzare la pizza perfetta: basta un piccolo spazio esterno per collocare il forno. Per il lancio della campagna, a dare dimostrazione della validità dei prodotti, un team capitanato dallo chef Denis Lovatel: lo chef pizzaiolo, riconosciuto tra i migliori d’Italia, si è infatti cimentato nella preparazione di ricette con impasti differenti, per mettere alla prova la versatilità dei forni, con risultati golosi.

7

Beck’s presenta il primo Unfiltered Day

In occasione del lancio della nuova birra Beck’s Unfiltered, prodotta con 100% ingredienti naturali, il brand si fa portavoce di un nuovo messaggio: il 23 aprile Beck’s Unfiltered invita le persone a spegnere i propri social media per un’intera giornata, per vivere al massimo ogni momento. Voci dell’Unfiltered Day un gruppo di noti influencer come Nick Pescetto che spegneranno i propri canali social. Un invito a godere a pieno delle sensazioni, aperto a chiunque desideri trascorrere una giornata autentica, che si riflette anche nel prodotto stesso. Infatti, Beck’s Unfiltered è realizzata ingredienti naturali accuratamente selezionati, ed è ispirata al processo di birrificazione originale del 1873. Una pilsner naturalmente velata, dal perlage fine e dal gusto morbido e rinfrescante.

8

Cantina Ruggeri testimonia la longevità del Prosecco

In 70 anni di attività, Ruggeri ha dato vita a iniziative che l’hanno portata a raggiungere l’apice qualitativo della denominazione Conegliano Valdobbiadene D.O.C.G. Tra queste, la storica cantina di Valdobbiadene ha instaurato una cultura del tempo, svelando così una visione del Prosecco basata su esperienze sensoriali e prospettive nel lungo termine dell’autoctona Glera. La quintessenza della longevità è il vino Giustino B, un omaggio a Giustino Bisol, fondatore della cantina, che rappresenta il gioiello di Valdobbiadene. Una delle verticali proposte nel 2011 dalla storica cantina di Valdobbiadene risaliva al 1995 ed è proprio in questo momento che il Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. Giustino B. ha confermato la sua capacità di maturazione e affinamento.

Per la prima volta sul mercato arrivano i formati di pasta corta all’uovo e un nuovo packaging limited edition. Rigatoni, mezzemaniche, paccherini, penne sono i formati all’uovo prodotti in versione limited edition con un impianto 4.0 dove la tecnologia garantisce un alto standard qualitativo e che la ricetta resti artigianale. Le uova utilizzate sono di categoria A da galline allevate all’aperto in Italia e Rustichella controlla ogni passaggio dalla materia prima al confezionamento.

10

Pink Lady e Frida’s insieme con “Siamo il frutto del suo amore”

Dal 2 all’8 maggio si tiene la campagna di Pink Lady e Frida’s: nei 5 punti vendita Frida’s di Milano, Roma e Bologna coinvolti nell’iniziativa, all’acquisto di una composizione floreale si riceverà in regalo l’adozione di un albero Pink Lady. L’iniziativa è pensata per celebrare la Festa della Mamma all’insegna dei profumi e dei colori del mese di maggio, attraverso la metafora del melo che dona frutta così come una madre dona vita. L’adozione consentirà di restare informati via mail sulla crescita e lo sviluppo del melo, sui lavori che mese dopo mese i produttori svolgono per nutrirlo, proteggerlo e curarlo, di ricevere per posta alcuni piccoli gadget sostenibili e la foto dell’albero adottato e, infine, di andare in frutteto al momento della raccolta, nel mese di ottobre, per raccogliere una cassetta di mele del proprio albero.

11

Da Varrone Pietrasanta riparte la stagione Versiliese

Varrone Pietrasanta inaugura la stagione Versiliese nella splendida cornice della città. Nell’estate del 2020, l’incessante voglia di ideare e realizzare nuovi progetti ha spinto Massimo Minutelli, Founder di La Griglia di Varrone Milano, ad aprire una sede del ristorante anche a Pietrasanta, alla Corte Lotti. Da Varrone Pietrasanta si trovano solo le migliori carni del Mondo, selezionate personalmente da Massimo Minutelli e cucinate con rispetto: ogni tipologia e taglio ha una propria cottura e un proprio spazio sulla griglia. In questo senso, la cura a tutto tondo dell’ingrediente è indispensabile per esaltarne la qualità e il gusto. Wagyu, Fassona Piemontese, Black Angus U.S.A e molte altre delle carni più pregiate al mondo incontrano da Varrone una cucina tradizionale e ricercata al tempo stesso.

12

Le novità di Ciù Ciù

Dalla storia e dall’esperienza di oltre 50 anni di viticoltura dell’azienda Ciù Ciù, la famiglia Bartolomei ha ampliato il proprio gruppo nel tempo allargandolo ad altre aziende: è nato così Ciù Ciù Tenimenti Bartolomei. Oltre alle Marche con Ciù Ciù, il gruppo include infatti Ciù Ciù Poggiomasso (Lazio), Villa Barcaroli(Abruzzo), Feudo Luparello (Sicilia), Il Chiurlo (Toscana).
Così come Ciù Ciù è espressione autentica e vera del Piceno con i suoi vitigni autoctoni, le altre cantine di proprietà sono state scelte con medesimi criteri: zone altamente vocate alla viticoltura, vitigni riconoscibili e grandi possibilità di crescita. Si è proceduto poi alla coltivazione dei terreni, e a un percorso secondo le tecniche produttive portate avanti nel tempo con successo da Ciù Ciù che ha ottenuto la certificazione bio già nel 1996. Tra i prodotti nati da questo incontro c’è il Sauvignon Ciù Ciù Poggiomasso di Rocca Sinibalda (RI), Lazio. Qui i vini crescono ad alta quota con profumi del tutto particolari.

C’è unAcquada in città. Acquada significa acquazzone in dialetto lombardo, quell’acquazzone che sorprende, travolge e pulisce quello che c’era prima per dare vita al nuovo. Così vuole essere la cucina di Sara Preceruti: sorprendente, forte e capace di rivelare tutti i colori del gusto. Sara Preceruti è stata premiata con la Stella Michelin a soli 28 anni per il suo lavoro a La Locanda del Notaio a Pellio Intelvi (CO) e come Miglior Chef Donna nel 2013 secondo Identità Golose. Nel suo elegante ristorante in via Villoresi al 16, trasferitosi da Porlezza a Milano all’inizio del 2020, propone una cucina molto libera e senza riferimenti. Il menu di Acquada esprime una forte identità italiana e un’ampia visuale sulle tecniche e le materie prime straniere, sempre alla ricerca di sensazioni forti, golose, inedite. Il divertimento inizia dagli antipasti, portate con cui spesso la chef si sbizzarrisce e prepara l’ospite all’esperienza. Protagonisti sono i contrasti, che passano attraverso le consistenze ma anche per gli abbinamenti. Passando ai secondi, carne e pesce hanno pari dignità, sempre con un tocco autoriale. Nei dessert, non può mai mancare “Il Gianduja veste rosso”, signature dish di Sara Preceruti dove le note del peperone dolce e del cioccolato si sposano perfettamente.

14

Gli infusi freddi di Twining’s

Twinings dà vita a una nuova linea, In’fuse a freddo, una coccola per il palato, un modo per bere di più e prendersi cura di se stessi. La gamma di deliziosi infusi per acqua fredda prevede tre gusti: In’fuse a freddo Limone, zenzero e arancia, dal sapore frizzante e speziato;In’fuse a freddo Mango, arancia e frutto della passione, dal profumo dolce e avvolgente; In’fuse a freddo Fragola, anguria e limone, dalla consistenza setosa e fresca. Privi di zucchero e aromi artificiali, per creare gli In’fuse bastano 5 minuti di infusione di un filtro in 500 ml di acqua e una veloce shakerata per ottenere una bevanda da gustare subito o portare con sé per tutta la giornata.

15

Lo storico ristorante La Palette di Capri si rinnova

Lo storico ristorante La Palette nasce a Capri durante gli anni cinquanta e deve il proprio nome ai numerosi e celebri artisti che erano soliti frequentarlo, tra cui il noto pittore austriaco Hans Paule e il pittore tedesco Walter Depas. Avanti veloce al 2015 quando Alfredo Celio rileva il locale e lo ristruttura completamente nel 2021. Del fascino originale rimane lo stile caprese, quei toni fatti per accogliere lo sguardo, abbracciare il mare, restituire il sole al tramonto dalla terrazza panoramica che si staglia su uno dei belvederi più suggestivi dell’isola. La prospettiva culinaria si orienta su proposte mediterranee e tipiche della cucina caprese,
rielaborata dalla mano dello chef Giacomo Olivieri. Le materie prime sono sempre di alta qualità e il pescato fresco si modula sull’offerta locale, nel rispetto delle stagioni. Da assaggiare: ravioli Capresi fatti in casa con caciotta, maggiorana e salsa al pomodoro; una selezione di crudi di mare, il classico spaghetto alle vongole e una saporita zuppa di pesce. Dulcis in fundo, la delizia al limone di Capri, la torta Caprese cioccolato e mandorle servita con gelato e il babà al rum. Il tutto da abbinare all’entusiasmo di una brigata giovane e una vasta cantina di oltre quattrocento etichette, gestita dal direttore di sala e sommelier Federico Lapi.

16

I nuovi formati di Dalla Costa

Una passione di famiglia che dura dal 1898 è il segreto della bontà di Dalla Costa. Oltre ai 100 prodotti biologici che comprendono VeganOk, gluten free e Kosher, paste realizzate con sagome originali, Dalla Costa raccoglie la sua eredità e presenta alcune sfiziose novità. Come prima new entry ci sono i Maccheroni cinque colori, per consolidare la strada del gusto proponendo oltre al tradizionale formato le varianti alla curcuma, rosmarino, bietola, carota nera. A seguire Tagliatelle al tartufo che si affiancheranno alle Tagliatelle al fungo porcino e Tagliolini paglia e fieno, arricchendo di un nuovo sapore l’offerta di questa tipologia di pasta. Non manca la referenza dedicata alla tradizione veneta: i Bigoli di semolato. Per quanto riguarda la linea “Natura” verrà ampliata l’offerta a catalogo della linea senza glutine Bio con una nuova ricetta al mais e riso in una delle forme più celebri dedicate ai bambini: i Dinosauri.

17

Il podcast Baci su Baci

L’inconfondibile fruscio dei cartigli dei cioccolatini introduce alla narrazione dello scrittore Paolo Di Paolo, firma autoriale e voce del podcast, Baci su Baci, un racconto in quattro capitoli che esplora l’evoluzione bacio, il suo significato storico, sociale, antropologico. La storia segue due linee parallele, da un lato rievoca il genio di Luisa Spagnoli – fu lei nel 1922 ad avere l’intuizione dei Baci Perugina – e dall’altro analizza il costrutto del bacio con l’aiuto di
un ospite speciale per episodio. C’è la scrittrice Chiara Gamberale, che da sempre si occupa del racconto dei sentimenti, e rievoca qui, tra l’altro, il bacio in narrazioni come nel romanzo di Peter Pan. Ci sono gli antropologi Marino Niola ed Elisabetta Moro, autori del libro Baciarsi che indagano il legame tra passione e nutrizione. C’è, infine, la storica e grecista Eva Cantarella, che ripercorre l’origine dell’atto del baciarsi, dal mezzo di controllo in epoca romana – per assicurarsi che le giovani donne non avessero bevuto – fino all’amore omoerotico dell’antica Grecia. Il risultato è un affresco corale, che ci porta a indagare il nostro rapporto con un gesto e un gusto ben preciso. Perché come dicono Moro e Niola: siamo programmati per baciarci, o meglio, per mangiarci di Baci.

18

Classico compie dodici anni, a Milano

Classico Trattoria&Cocktail di via Tocqueville celebrera il suo compleanno giovedì 12 maggio con una serata aperta a chiunque voglia partecipare. L’inizio è alle ore 19.00 e prevede un aperitivo gratuito e, a seguire, una cena accompagnata da dj set. Per festeggiare, al termine della cena, saranno offerti a tutti i presenti un brindisi e una fetta di torta. Classico rappresenta il legame profondo con il territorio e le materie prime italiane, rivisitati in chiave contemporanea, passando dai mondeghili e maionese di zafferano fino all’orto alla tavola con uovo 62 gradi e ortaggi biologici in base al raccolto.

19

Novità a base di Verdure e Semi per Semplicissimi Doria

La gamma Semplicissimi Doria si arricchisce di due nuove referenze: i nuovi Crackers Semplicissimi Verdure e Semi con farina 100% integrale. La novità è disponibile in due abbinamenti: Crackers Zucca, Rosmarino e Semi di Miglio Bianco oppure Crackers Spinaci e Semi Tostati di Teff. Un mix dal gusto ricercato, con farine 100% integrali, croccantezza e proprietà nutrizionali che rispondono perfettamente alle esigenze dello star bene. I nuovi Crackers Semplicissimi Verdure e Semi sono 100% integrali, ricchi di fibre, con soli ingredienti di origine vegetale e tutto il gusto delle verdure e dei semi per una pausa o uno spuntino sfizioso all’insegna di benessere e gusto.

20

Riapre l’Organics SkyGarden di Milano

Il nuovo skyline disegnato dai grattacieli di Porta Nuova, Piazza Gae Aulenti e il Bosco Verticale è diventato uno degli elementi più suggestivi e riconoscibili di Milano. Punto di vista privilegiato è l’Organics SkyGarden dell’Hyatt Centric Milan Centrale che, con i suoi 40 metri d’altezza e una vista a 360°, regala panorami inediti sui tetti della città. Alla sua riapertura, avvenuta il 6 aprile, continua la collaborazione con Organics by Red Bull e le serate prendono vita dalle 18 alle 24, con Dj set e live performer sotto la sapiente direzione artistica di Mr. Francesco Trizza. Il bar propone una carta di cocktail studiata da Florim Abazi e la possibilità di degustare i piatti nati dalla creatività dello chef Guglielmo Giudice. Ma se siete più persone mattiniere, allora la vista è aperta anche al mattino, con il brunch della domenica dalle 12.30 alle 15.30, tra pancake con sciroppo d’acero e salumi e formaggi della Valtellina.

21

I nuovi gelati Ferrero per l’estate

Con l’avvicinarsi dell’estate, Gelati Ferrero presenta quattro novità da gustare in riva al mare e non solo: i coni Kinder Bueno Classico e Kinder Bueno White, lo stecco Pocket Coffee e il ghiacciolo Estathè Ice Menta & Lime. Se il cono Kinder Bueno promette di conquistarci con un dischetto alla nocciola e pepite al cacao, posizionato sulla sommità del gelato, gli amanti del caffè non potranno che optare per il gusto 100% Arabica dello stecco Pocket Coffee, ricoperto da cioccolato e granella di caffè. Rinfrescante, Estathé Ice ha una consistenza morbida simile al sorbetto e note dissetanti date dall’infuso alla menta.

22

Le novità del Mercato Centrale di Roma

Apre al Mercato Centrale la nuova pizzeria firmata Marco Quintili, ultimo arrivato nella squadra degli artigiani di Roma Termini. Considerato uno dei maestri indiscussi dell’arte bianca nella Capitale, Quintili porta al Mercato la sua pizza tecnicamente napoletana, e presto arricchirà l’offerta con i fritti: crocchette, frittatine e dolci soffietti. L’evento di presentazione ufficiale al pubblico si tiene il 24 maggio, quando gli appassionati delle eccellenze gastronomiche potranno scoprire (o riscoprire) tutte le specialità del pizzaiolo casertano. Tra queste vale la pena nominare (e gustare) la celebre Gricia in fiamme, preparata con crema di cacio, fior di latte dei monti Lattari, guanciale croccante di maialino lucano allo stato brado e pepe cuvée della Tasmania. Al tavolo, la pizza viene “accesa” con un liquido infiammabile realizzato dallo stesso Quintili: il guanciale prende fuoco, sciogliendosi in un’esplosione di gusto e croccantezza.

Magnum presenta il suo nuovo capolavoro ispirandosi all’arte del Rinascimento, celebrando il fermento artistico dell’epoca ed evocando l’artista che ha dato forma e vita all’estasi della bellezza con capolavori senza tempo: Michelangelo. Il brand diventa così ambasciatore di un nuovo Rinascimento con un imperdibile classico: Magnum Michelangelo. Attraverso i suoi ingredienti, Magnum Michelangelo dà vita a un tripudio di gusto avvolgente. Cocco e cacao, i colori. Il cioccolato bianco, la tela. I cristalli di lampone, il colpo di genio: così Magnum racconta l’unione tra gusto e arte attraverso il sapiente mix dei colori, sapori e consistenze degli ingredienti.

24

Campari sarà al Festival di Cannes

Campari sarà partner ufficiale del Festival de Cannes, presente alla 75a edizione della rinomata rassegna cinematografica, che quest’anno avrà luogo dal 17 al 28 maggio. Campari ha scelto il tema delle Grandi Storie come fil rouge di una serie di attività ed eventi immersivi che prenderanno vita nel corso dell’anno, proprio a partire dal Festival di Cannes. Oltre a rafforzare lo storico legame del brand con la Settima Arte, questa collaborazione conferma la vocazione del brand alla creatività, alla Red Passion che ognuno possiede dentro di sé. il brand darà vita a un’iconica Campari Lounge, che trasporterà i visitatori nel proprio universo rosso. Questo luogo, situato nel prestigioso Palais des Festivals, rappresenterà un punto focale della kermesse e farà da cornice a numerosi eventi ed esperienze. Qui sarà possibile scoprire e sorseggiare cocktail Campari, sapientemente preparati e serviti da Camparino in Galleria, lo storico bar aperto da Davide Campari nel 1915 in Galleria Vittorio Emanuele II, a Milano. Durante lo svolgimento del Festival, Campari organizzerà una serie di appuntamenti esclusivi e inediti per invitare i propri ospiti a lasciarsi ispirare e trasportare dalle grandi storie, che saranno svelate sui social media del brand nel corso delle due settimane e in occasione di un evento speciale che si terrà il 21 maggio, nel cuore della Croisette.

25

L’incontro con i produttori da Particolare, a Milano

Particolare Milano è una realtà sorta nel quartiere di Porta Romana che dà il via a una serie di serate intitolate A cena con il produttore. Si tratta di un ciclo di incontri che parte martedì 17 maggio e prosegue fino a martedì 19 luglio, all’insegna della degustazione dei vini scelti dal sommelier Luca Beretta, in abbinamento alle portate dello chef Andrea Cutillo. Il cuore dell’esperienza sono 4 portate con 4 abbinamenti enologici dedicati a chiunque voglia scoprire più a fondo il mondo food. Si parte martedì 17 maggio con Terrazze dell’Etna, azienda vinicola con sede nel Parco Naturale dell’Etna in provincia di Catania, a circa 800 metri sul livello del mare. Nelle sue vigne si coltivano le uve più tradizionali del territorio, il nerello mascalese e nerello cappuccio, a cui si affiancano chardonnay, pinot nero e petit verdot. Questi vini tradizionali trasmettono la grande armonia che si instaura con lo spirito dell’Etna.

The Spiritual Machine, startup torinese che realizza linee personalizzate di alcolici artigianali, lancia la terza edizione di Crea il Tuo Spirito. Un contest rivolto a tutti i bartender e gli appassionati di Craft Spirit a cui viene data l’opportunità di ideare e poter vedere prodotta la propria ricetta, ma anche di supporto nell’avvio del loro spirit-business. Per partecipare occorre proporre entro le 23.59 del 16 maggio, una ricetta originale per una bevanda alcolica che rientri nella categoria Vermouth, Gin, Amaro, Bitter, New Spirit & Premixed Cocktail. Il primo classificato riceverà 250 bottiglie contenenti l’alcolico che ha ideato, mentre ai primi tre classificati l’Academy di Le Village by CA fornirà supporto nella creazione di un business plan e corsi formativi.

27

Il nuovo capitolo de La taverna di mezzanotte

Può un piatto essere allo stesso tempo nostalgia e scoperta, rassicurazione ed emozione, turbamento e serenità? Bisogna saperlo scegliere, bisogna saperlo preparare. Accomodatevi, questa è La taverna di mezzanotte di Yaro Abe: il fortunato manga – da cui è tratta anche la serie originale Netflix Midnight Diner: Tokyo Stories – in cui ogni capitolo è una notte, una ricetta tipica della cucina giapponese e un’occasione unica per raccontarsi al bancone del locale nel quartiere di Shinjuku. Per festeggiare l’uscita di questo quinto volume, La taverna di mezzanotte – Tokyo Stories vol. 5, il 7 maggio si terrà a Milano presso laFeltrinelli di Piazza Piemonte un evento speciale. BAO Publishing, Gastronomia Yamamoto e librerie laFeltrinelli presenteranno il libro, mentre il pubblico potrà gustare una merenda preparata da Gastronomia Yamamoto.

28

Dolce Treviso al radicchio rosso

Si chiama Dolce Treviso al Radicchio Rosso di TrevisoIGP e ambisce a diventare un classico della tradizione gastronomica della provincia trevigiana. A produrlo e venderlo, a partire da inizio aprile, sono una ventina tra pasticcerie e forni artigianali della provincia: si tratta di laboratori che si impegnano a non modificare né rielaborare una ricetta codificata e ben bilanciata in tutti i suoi ingredienti: farina, burro extra quality, lievito madre, zucchero e Radicchio Rosso di Treviso IGP. Il gusto caratteristico e amabile del nuovo lievitato deve gran parte della sua fortuna alla particolare lavorazione del Radicchio Rosso di Treviso IGP messa a punto da Magnoberta Distilleria, che con un processo particolare permette di mantenere la naturalità del radicchio, garantendo inalterate le sue proprietà organolettiche.

29

Riapre il ristorante pizzeria Rock 1978 di Bione

A una quarantina di minuti di macchina da Brescia, nella comunità montana della Val Sabbia, il ristorante-pizzeria Rock 1978 di Bione, frazione di San Faustino, riapre i battenti in una veste rinnovata e con una degustazione tutta da scoprire. Per i prossimi due mesi il maestro pizzaiolo Patrick Zanoni, già premiato con Due Spicchi Gambero Rosso nel 2018, rivista la tradizione gastronomica locale con il menù in edizione limitata ‘Brescia by Rock’ a base di coregone del Garda, sarde di lago alla beccafico, manzo all’olio di Rovato e tipico spiedo bresciano. Le preparazioni, accompagnate da tre calici di vino del territorio, diventano il topping ideale per cinque pizze gourmet realizzate con lievito madre e farine selezionate.

30

Con Estathé vinci Jova Beach Party

Acquistando, dal 22 aprile al 15 maggio, almeno 2 confezioni di Estathé (a scelta tra il tris bicchierino da20cl, la bottiglia da 1lt e la bottiglia da 1,5lt) si potrà partecipare al concorso che mette in palio 500 coppie di biglietti per una delle date a scelta dei concerti evento di Jovanotti. Basterà accedere al sito di Estathé e caricare la prova d’acquisto entro le 23 del 16 maggio per sapere se si è tra i fortunati vincitori potendo scegliere, subito, a quale tappa partecipare.

31

Le merende di Gastone al Giro d’Italia

In occasione della gara ciclistica più famosa d’Italia, Le merende di Gastone si vestiranno di rosa e seguiranno la gara per l’intera durata regalando piccole pause di piacere ai partecipanti che potranno assaporarle. Inoltre, sarà disponibile a punto vendita un pack Special Edition tutto rosa fino alla fine di maggio, per gustare alcune delle dolcissime creazioni preparate dal pasticciere Gastone. Tra i prodotti de Le merende di Gastone spiccano le Ciambelle all’albicocca che conquistano per la consistenza soffice e l’inconfondibile profumo di frutta.

32

Miro – Osteria del Cinema

Il ristorante Miro – Osteria del Cinema, inaugurato a settembre 2021, sorge negli spazi che un tempo ospitavano il palco e i camerini del cinema teatro che oggi è Anteo Palazzo del Cinema, e nel cortile adiacente. Una location dove la storia del luogo fa da cornice al nuovo corso della cucina, creando il set perfetto per l’incontro tra tradizione e contemporaneità nelle sue accezioni più autentiche.
Il suo giardino segreto è uno spazio protetto dai palazzi e dai cortili circostanti. Un’oasi silenziosa e verde dove l’atmosfera si fa ancora più rilassata con tavolini intimi, divanetti e sedute basse. Qui è possibile gustare il nuovo menù studiato dallo Chef Enrico Maridati, la cui cucina si contraddistingue per le contaminazioni francesi e orientali che danno un twist contemporaneo ai piatti della tradizione italiana, e l’inedita cocktail list: sette signature cocktail ispirati al mondo del cinema, perfetti per il momento dell’aperitivo, ma anche per accompagnare la cena.

33

ProUp mirtillo & lime e zenzero

Gruppo Eurovo fa il proprio ingresso nel mercato dei prodotti hi-protein con ProUp, la prima bevanda proteica senza latte per il mercato italiano ottenuta dalle proteine naturali dell’albume d’uovo. ProUp è un vero e proprio “sorso di proteine”: ogni bottiglia da 250 ml, infatti, ne contiene 20 g, pari al 40% del fabbisogno giornaliero medio. A rendere questa bevanda unica tra le tante proposte presenti sul mercato, inoltre, sono anche l’elevata percentuale di frutta, pari al 20%, e i due gusti naturali e salutari che rappresentano una vera novità a scaffale. Il mirtillo è considerato, tra le migliori fonti naturali di antiossidanti, e il lime insieme allo zenzero stimolano il sistema immunitario e la digestione. Pensata per tutti gli sportivi, gli amanti del fitness, ma anche per chi vuole migliorare il proprio benessere fisico e mentale attraverso un’alimentazione sana ed equilibrata.

Note per le bollicine in rosso del loro celebre Lambrusco, le cantine CECI 1938 presentano una nuova collezione di Birre artigianali.
Progetto esclusivo frutto della collaborazione con un noto birrificio artigianale del territorio, le Birre di Parma si vestono di oro, argento e bronzo leggermente satinati che si ispirano ai colori tipici delle birre non filtrate, leggermente opache nel colore e ricche di aromi e profumi. Gli ingredienti principali e la produzione derivano dal territorio della provincia di Parma: l’acqua e l’orzo danno origine ad un malto PILS che è la base di tutte e tre le birre, e il 100% della Birra Silver. I luppoli provengono da un’accurata selezione a livello internazionale. In ogni birra è presente un blend composto per definirne l’amaro e l’aroma. Il luppolo connota il prodotto finito anche in base al momento in cui viene aggiunto, solo in bollitura per Birra Gold e Birra Bronze, anche in dry hopping per la Birra Silver.

Situata a Pessione di Chieri, a meno di 30 km da Torino, Casa Martini rappresenta un vero e proprio percorso immersivo alla scoperta di ingredienti, segreti di produzione e di una storia ricca di aneddoti, visione imprenditoriale e innovazione. Un mix di artigianato e cultura in un complesso unico che include lo stabilimento, la Mondo Martini Gallery e le Tasting Room.
I visitatori che entrano a Casa Martini hanno la possibilità di scegliere esperienze differenti e realizzare percorsi tailor made con durata e modalità differenti tra loro. Un esempio? Per approfondire la conoscenza dei segreti dei cocktail firmati Martini e della loro preparazione grazie alla guida esperta del Brand Ambassador, è disponibile la Martini Cocktail Experience (durata 1 ora – 35€). L’esperienza include la possibilità di realizzare in prima persona un cocktail originale (Fiero&Tonic, Torino-Milano, Americano e Negroni), giocando con la creatività e con gli ingredienti, oltre che la possibilità di visitare i musei di Casa Martini.

Pubblicità – Continua a leggere di seguito



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %