newsTravels

Quali sono i tre luoghi al mondo rimasti ancora Covid-free


Articolo di Robert Hart apparso su Forbes.com

La variante Omicron, a causa della sua alta trasmissibilità, ha ridotto l’elenco dei paesi che sono riusciti a sfuggire alla pandemia di Covid-19. Omicron è riuscita a sfondare le difese di numerose nazioni insulari del Pacifico e ha costretto a un’ammissione di crisi pandemica senza precedenti in Corea del Nord. Ad oggi sono tre i Paesi che si dichiarano Covid-free.

Fatti principali

  • Il Turkmenistan, un paese senza sbocco sul mare di oltre 6 milioni di persone in Asia centrale, è l’unica nazione al mondo che afferma ancora di essere completamente priva di Covid.
  • L’informazione contrasta con i rapporti informali sulla malattia provenienti dall’interno del Paese ed è messa in dubbio dagli esperti, inclusa l’Organizzazione mondiale della sanità, che ritengono sia supportata da dati disonesti riportati dai funzionari turkmeni.
  • Tokelau e Sant’Elena, rispettivamente territori della Nuova Zelanda e della Gran Bretagna, sono le uniche regioni rimaste che affermano di essere ancora Covid free e che non hanno segnalato un singolo caso di Covid-19 all’Oms. A loro favore il fatto che si trovino in posizioni remote e le rigide procedure di quarantena applicate.
  • Le infezioni da Covid sono salite alle stelle nelle Isole Marshall ad agosto dopo che il Paese ha confermato il suo primo focolaio locale – aveva precedentemente segnalato casi tra i viaggiatori, ma erano contenuti. Oggi dunque non può essere più considerato uno dei pochi paesi Covid-free al mondo.
  • La situazione delle Isole Marshall rispecchia l’esperienza di diverse altre comunità insulari del Pacifico quest’anno, tra cui Niue, Kiribati, Samoa, Nauru, Vanuatu, Tonga e Micronesia, forse l’ultimo paese con una popolazione superiore a 100 mila persone a perdere il suo status di Covid-free. Era riuscito a tenere a bada il virus per due anni attraverso un mix di isolamento geografico, controlli severi alle frontiere e rigide regole di quarantena.
  • La Corea del Nord, che ha passato più di due anni a negare di avere casi di Covid-19, ha riconosciuto un focolaio a maggio e ha dichiarato lo stato emergenza nazionale dopo che il virus si è diffuso nella sua popolazione, interamente non vaccinata.

Background

Da quando la Cina ha segnalato per la prima volta un gruppo di casi di polmonite a Wuhan alla fine del 2019, il Sars-CoV-2, virus responsabile del Covid-19, si è diffuso rapidamente in tutto il mondo. Restrizioni di viaggio, quarantene e misure di contenimento dure, persino farsesche, hanno fatto ben poco per impedirne la circolazione, soprattutto quando sono emerse varianti più trasmissibili.

Anche le comunità più isolate come le nazioni insulari o le tribù indigene remote hanno dovuto affrontare delle epidemie. Questi gruppi sono in genere più vulnerabili di fronte alle malattie infettive emergenti rispetto ad altre popolazioni. Il supporto medico a volte a distanza di giorni, i tassi più elevati di altre problematiche legate alla salute e la mancanza di accesso a misure preventive complicano la loro situazione. Mentre un certo numero di paesi come l’Australia e la Nuova Zelanda hanno mantenuto severi controlli alle frontiere per tenere fuori il virus, quasi tutti i paesi hanno ora abbandonato le politiche più rigorose messe in atto per imparare a conviverci. La politica “zero Covid” della Cina è un’eccezione.

Fatto curioso

Anche le remote regioni polari non sono più Covid-free. L’Antartide è stato l’ultimo continente a perdere il suo status di Covid-free. A fine 2020 l’esercito cileno ha segnalato un focolaio presso la sua stazione di ricerca Bernardo O’Higgins. Ci sono stati almeno altri due focolai registrati nel continente, uno tra i lavoratori di una stazione scientifica belga a partire dal dicembre 2021, un altro tra il personale della base di ricerca argentina La Esperanza nel gennaio 2022.

Il primo caso di Covid-19 nell’Artico, regione che copre parti del Canada, Regno di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, Russia e Stati Uniti, è stata segnalata alla fine di febbraio 2020. Da allora, quasi 2,5 milioni di residenti sono stati infettati (su una popolazione di 7 milioni) e più di 28.600 sono morti.

In cifre

602 milioni. Sono questi i casi di Covid-19 segnalati a livello globale dall’inizio della pandemia, secondo la Johns Hopkins University (Jhu). Gli Stati Uniti hanno segnalato più casi di qualsiasi altro paese (94 milioni), seguiti da India (44 milioni), Francia (35 milioni), Brasile (34 milioni) e Germania (32 milioni). Quasi 6,5 milioni sono morti a causa del virus, secondo i dati Jhu, guidati da Stati Uniti (1 milione), Brasile (684.000), India (528.000) e Russia (376.000).

Cosa non sappiamo

È probabile che il vero bilancio del Covid-19 sia molto maggiore di quanto suggeriscono i dati ufficiali. La qualità e la capacità dei test varia notevolmente tra i paesi ed è improbabile che le persone asintomatiche vengano raccolte in modo affidabile. Inoltre vengono utilizzati criteri diversi in ciascuno stato per la registrazione di casi e decessi, rendendo difficili i confronti diretti.

Il numero di decessi in eccesso, una metrica che confronta il numero di morti con quello che ci si aspetterebbe date le esperienze passate, è una misura più accurata dell’impatto della pandemia. Include i decessi non conteggiati dalle statistiche ufficiali, nonché quelli che potrebbero essere morti per cause legate alla pandemia. Le stime delle morti in eccesso suggeriscono che il bilancio delle vittime è molto più grande di quanto indichino i dati ufficiali, forse anche tre volte superiore. Sebbene più accurata, questa cifra non riporta le esperienze di molti sopravvissuti che hanno sopportato i sintomi persistenti di Long Covid, le lotte durante la pandemia e l’impatto a lungo termine sui bambini a causa di arresti prolungati.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:news

Next Article:

0 %