Designnews

Pomandère apre le porte alla creatività di Chiara Bernardini

Pomandère apre le porte dello showroom milanese alla creatività di Chiara Bernardini per un intervento artistico inedito. L’esposizione di piatti decorati aperta al pubblico si svolgerà nello spazio Pomandère di via Tortona 14 a Milano dal 5 all’8 settembre, durante il Salone Internazionale del Mobile.

La celebrazione di due mondi che entrano in sinergia, la moda e l’arte si uniscono per avventurarsi nell’esplorazione dell’essenza, dell’unicità e della contemporaneità. La contaminazione tra arte e moda crea in questo contesto un’atmosfera di totale condivisione di principi ispiratori e di forme espressive.

La prospettiva filosofica di Pomandère, ancora una volta, apre le sue porte abbracciando l’Arte.

Chiara Bernardini dai suoi inizi, ha indagato le potenzialità del segno, fino a padroneggiarlo con naturalezza e forza. Dopo il lavoro sulla carta il passaggio alla ceramica è stato per lei quasi spontaneo. Fra tutte le forme possibili, il piatto è stato scelto per la sua superficie liscia che contiene la più ampia libertà creativa.

Chiara Bernardini

Il piatto è anche l’oggetto che si presta meglio ad essere vissuto nella dimensione quotidiana e ad essere valorizzato all’uso. La semplicità delle forme di gusto contemporaneo esalta il decoro. I piatti sono rigorosamente bianchi, disegnati in nero con tocchi di colore e, quando non astratti, traducono le forme della natura, a volte usando fotografie appositamente scattate per focalizzare dettagli interessanti da sviluppare sulla ceramica.

Il segno, forte e spesso nervoso, si esalta nell’unicità di ciascun pezzo, mai ripetuto. Anche le dimensioni non sono scontate e alcuni pezzi sono decisamente più grandi dell’usuale, perché una superficie ampia consente più libertà al segno nel suo dialogo con la costrizione del bordo.

Chiara Bernardini

La forte identità e pulizia concettuale che caratterizza le opere di Chiara Bernardini la ritroviamo negli abiti Pomandère, abiti dalle linee contemporanee, realizzati in tessuti naturali e con finiture e dettagli sartoriali che li rendono abiti unici senza tempo.

Denominatore comune è il Made in Italy, inteso come sinonimo di qualità, ricerca ed efficienza, artigianalità contemporanea. Le ceramiche smaltate fatte a mano su disegno originale, sono prodotte in un antico laboratorio italiano, nel distretto della ceramica di Nove nella provincia di Vicenza, dove un ceramista crea ogni pezzo con tecniche artigianali tramandate di generazione in generazione.

Chiara Bernardini

Partendo dalla terracotta, ogni pezzo è lavorato al tornio da mani esperte. Leggere e aeree, semplici nel disegno, diventano pezzi unici dalla grande personalità grazie all’intervento artistico di Chiara.

Chiara Bernardini

Alla luce della nuova collezione SS 2022 “Contaminazioni” Pomandère ha voluto enfatizzare e completare la sua visione aperta e ampia che vede appunto l’Arte, la moda e l’artigianalità completarsi vicendevolmente.

Chiara Bernardini

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Marina Greggio
Innamorata delle lingue e colleziono instancabilmente viaggi. Nel tempo libero scrivo, leggo, corro e mangio. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Più in:Design

Next Article:

0 %