Cookingnews

Marmellata all’albicocca e albicocche, i benefici


La marmellata all’albicocca è buonissima a colazione e una bella albicocca appena colta dall’albero è proprio quello che ci vuole per chiudere un pasto in dolcezza oppure per un sano spuntino durante il corso della giornata. Non si tratta solo di gusto, ma anche di benessere. Sì, perché l’albicocca è tra la frutta di stagione dell’estate che ci permette di mantenere il nostro organismo in perfetta salute. Andiamo insieme a scoprire allora tutte le proprietà e i benefici.

A cosa fanno bene le albicocche?

Quanto fanno bene le albicocche? Si tratta di un frutto che fa davvero molto bene alla salute dell’organismo e della pelle. Le albicocche sono ricche infatti di vitamine, in modo particolare la vitamina A, la vitamina C e la vitamina E. Queste vitamine consentono alla pelle di portare avanti al meglio la sua funzione di barriera protettiva e la rendono più bella, idratata, luminosa, capace di contrastare in modo efficace i radicali liberi. Sì, perché queste vitamine sono sostanze antiossidanti a tutti gli effetti, senza dimenticare poi che nelle albicocche sono presenti altre sostanze antiossidanti come beta-carotene, luteina e zeaxantina, flavonoidi. Grazie all’apporto vitaminico, le albicocche permettono anche di rafforzare il sistema immunitario e di migliorare la salute del sistema cardio circolatorio e il metabolismo. Fanno bene anche alla vista, alla digestione, alla regolarità intestinale.

albicocca benefici

Photo by Dovile Ramoskaite on Unsplash

Dobbiamo poi menzionare anche l’elevato apporto di sali minerali delle albicocche, tra cui ricordiamo soprattutto potassio, fosforo, magnesio. Proprio per questo motivo sono perfette come spuntino durante le giornate estive più calde dell’anno, quando siamo soliti sudare copiosamente. Permettono infatti di reintegrare in modo semplice i sali persi durante la sudorazione e provare subito un’immediata sensazione di idratazione intensa e di freschezza. Questi sali minerali sono utili per non sentire stanchezza e spossatezza e per evitare i crampi, tutti problemi tipici dell’estate.

Quante albicocche si possono mangiare in un giorno?

La quantità ideale è di 2-3 albicocche al giorno. Una quantità di questa tipologia infatti permette di garantire all’organismo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno per vivere in salute, senza che l’apporto calorico sia elevato. Le albicocche infatti, come la maggior parte delle frutta estiva, sono ricche di zuccheri. Mangiarne in grandi quantità potrebbe voler dire quindi prendere peso in poco tempo. Ovviamente molto dipende anche dalla propria alimentazione. Coloro che ad esempio non consumano altra frutta durante il giorno, che non mettono lo zucchero nel caffè, che non mangiano dolci, possono allora anche concedersi un’albicocca in più.

Albicocca al naturale, ma non solo

Che meraviglia mangiare le albicocche fresche, con la buccia ovviamente dato che proprio nella buccia sono presenti molte sostanze nutritive. Sì, le albicocche fresche, appena colte dall’albero, sono senza dubbio la scelta ideale. Si tratta però di un frutto estivo che è disponibile fresco solo per un breve (brevissimo) periodo dell’anno. Inoltre una volta raccolte tendono a rovinarsi nel giro di qualche giorno appena. Proprio per questo motivo sono molti i metodi di conservazione disponibili, per poter gustare le albicocche anche durante il resto dell’anno. Molti di questi metodi di conservazione non danneggiano in alcun modo (o quasi) le sostanze nutritive di questo frutto così importante per il nostro benessere, altro piccolo dettaglio assolutamente da non sottovalutare.

albicocca benefici

Photo by Cala on Unsplash

Potete preparare le albicocche sciroppate ad esempio, così da averle a disposizione per le vostre preparazioni dolciarie anche in pieno inverno. Buonissima ad esempio la torta all’albicocca, con le albicocche sciroppate e la panna. In alternativa potete preparare la marmellata all’albicocca, da mangiare a colazione oppure da utilizzare per crostate e dolci di ogni tipologia, come ad esempio la torta sacher. È possibile poi preparare le albicocche essiccate, perfette da gustare come snack in ogni momento della giornata. È però importante ricordare che il calore dell’essiccazione potrebbe compromettere la quantità di vitamina C in esse presenti. Sembra invece che il calore dell’essiccazione, che non è poi così elevato, non comprometta le vitamine A ed E. Potete essiccare le albicocche in piena autonomia, sia in forno che con un essiccatore. Nel caso in cui preferiate invece acquistare le albicocche secche al supermercato, vi consigliamo di controllare che siano di derivazione biologica.

Albicocche, controindicazioni da prendere in considerazione

Le albicocche hanno un leggero effetto lassativo. Consumando questo frutto nella giusta quantità, non si hanno problemi di alcun genere. Esagerando invece con le quantità è possibile avere qualche spiacevole conseguenza negativa, incorrendo in mal di pancia, diarrea o nausea. Meglio evitare gli eccessi, non ci sono dubbi. Chi non deve mangiare le albicocche? Proprio perché hanno un effetto lassativo, è importante prestare attenzione al loro consumo nel caso di intestino facilmente irritabile o problemi gastrici di vario genere. Sono sconsigliate anche a chi soffre di calcoli renali, potrebbero infatti acuire il problema. È infine importante ricordare che coloro che sono allergici alle graminacee o alla betulla potrebbero esserlo anche alle albicocche, a seguito di una forma di allergia incrociata tra i pollini e il frutto.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %