Beautynews

Lavare i capelli a testa in giù li rende più puliti e lucidi


Lo dice Tik Tok e lo confermano gli esperti: lavare i capelli a testa in giù è la chiave per una detersione più profonda. E per chiome più nutrite e voluminose

Nel cercare di conseguire l’obiettivo finale di una voluminosa massa di boccoli, ho scoperto che la tecnica chiave (oltre all’utilizzo di un diffusore al momento dell’asciugatura) è quella che consiste in una doppia pulizia profonda. Applico lo shampoo, sciacquo e ripeto. Solo che ora lo faccio a testa in giù, come consigliato da Tik Tok. 

Un fenomeno virale, ma non solo

Questo metodo, un fenomeno virale da oltre 20 milioni di visualizzazioni, consiste nel capovolgere la testa mentre si fa lo shampoo, e ammetto che  può sembrare una strategia di bellezza estrema, concepita unicamente per fini algoritmici. Tuttavia, vi assicuro che dà ottimi frutti. E se non mi credete, fidatevi di Helen Reavy, hairstylist, tricologa e fondatrice della linea di prodotti per capelli a base vegetale Act + Acre, che ha sottoscritto con entusiasmo questa tendenza. 

Perché funziona

«È un eccellente consiglio, soprattutto per chi vuole ottenere volume o ha i capelli ricci», conferma Reavy. Ma perché? «Se si sta in piedi nella doccia, il getto che fuoriesce dal soffione esercita una pressione tale da appiattire le chiome sulla sommità del cranio e la struttura stessa del capello», spiega l’esperta. «Quando invece laviamo le lunghezze a testa in giù, la radice si solleva leggermente e il prodotto può così diffondersi meglio, garantendo un più elevato livello di pulizia della cute».

TikTok content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Una risposta efficace al problema delle radici grasse

Se utilizzate dei trattamenti leave-in (che quindi non richiedono alcun risciacquo) o prodotti per lo styling, non sottovalutate i benefici di questo metodo. «Quando si parla di cuoio capelluto, la preoccupazione più comune è quella delle radici grasse, ma, nove volte su dieci, queste ultime non sono causate dal sebo presente nei capelli, bensì dall’accumulo di residui dei prodotti utilizzati e da una detersione non accurata». 

L’importanza della doppia detersione

Reavy sottolinea poi l’importanza di una doppia detersione delicata e meticolosa quando si lavano i capelli a testa in giù. Dopo aver bagnato le lunghezze con acqua tiepida, applicate uno shampoo nutriente, poi capovolgete la testa e massaggiate tutto il cuoio capelluto, partendo dalla nuca e proseguendo verso l’attaccatura dei capelli. Poi, ripetete una seconda volta. «La seconda pulizia dei capelli produrrà una schiuma più ricca della prima, rimuovendo il resto dell’accumulo e apportando sostanze nutritive al cuoio capelluto», dice Reavy. 

I risultati si vedono

Da quando ho iniziato a lavare i capelli a testa in giù (e a regalarmi, nel mentre, un massaggio catartico), il mio cuoio capelluto è più pulito, le radici sono più voluminose e i ricci più pieni e leggeri. Inoltre, visto che quest’estate ho dovuto fare i conti con una sudorazione più abbondante e con un maggiore utilizzo di prodotti, questo procedimento si è rivelato incredibilmente soddisfacente. Anche se il lavaggio a testa in giù è un po’ più faticoso per il collo, ne vale la pena. Una volta che avrete adottato questa routine, non potrete più tornare indietro.

Leggete anche:

Questo articolo è stato pubblicato originariamente su American Vogue.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Beauty

Next Article:

0 %