Designnews

Il programma di EDIT Napoli 2022, tra Cult e progetti speciali


Mentre è ancora aperta l’open call per la quarta edizione di EDIT Napoli– in programma dal 7 al 9 ottobre nel Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore – si delinea il panorama dei progetti speciali e delle collaborazioni che legano a doppio filo la fiera dedicata al design editoriale e d’autore fondata e diretta da Emilia Petruccelli e Domitilla Dardi e la città che la ospita. Un panorama ricco e articolato, come quello delle coste del Mediterraneo, che trova ispirazione proprio nella volontà di tessere relazioni e scambi replicando i rapporti e le contaminazioni nati nel corso dei secoli lungo le rotte commerciali del Mare Nostrum.

Ecco tutto quello che sappiamo fino a ora di EDIT Napoli 2022.

Edit Cult, il progetto diffuso che porta il design nei luoghi più prestigiosi di Napoli

Con EDIT Napoli 2022 tornano anche gli EDIT Cult, un vero e proprio programma di innesti culturali che aprono le porte di alcuni luoghi speciali della città e li contaminano con progetti e pensieri di autori contemporanei.

House of Today a Palazzo Venezia

L’organizzazione non-profit libanese House of Today presenta a EDIT Napoli il lavoro nato dalla collaborazione tra gli artigiani napoletani e Rumi Dalle, creativa che viaggia per il mondo per imparare i mestieri che stanno scomparendo da coloro che ancora li praticano.

Il risultato sarà presentato a Palazzo Venezia, un palazzo storico situato lungo il decumano inferiore a lungo residenza dei consoli generali della Repubblica di Venezia a Napoli.

Palazzo Venezia, Via Benedetto Croce, 19

rumi dalle a napoli

Rumi Dalle a Napoli

A. Mustilli


Il design olandese alla Fondazione Made in Cloister

La Fondazione Made in Cloister ospiterà una retrospettiva sul lavoro dei designer olandesi legati ai valori della sostenibilità curata dal designer Piet Hein Eek, che da sempre lavora su materiali poveri (spesso di recupero) nobilitati dal tempo delle lavorazioni artigianali.

Fondazione Made in Cloister, Piazza Enrico de Nicola, 48

piet ein eek

Piet Ein Eek

Nick Bookelaar


Michele De Lucchi a Santa Luciella

Michele De Lucchi esporrà i suoi “Legni Cuciti” – sculture con le quali esprime la sua fascinazione per l’imperfezione del fatto a mano – all’interno della chiesa museo di Santa Luciella ai Librai, un tempo custodita dai pipernieri, ossia coloro che lavoravano il piperno. Qui De Lucchi mostrerà anche cinque nuovi pezzi inediti della serie, creati ad hoc per EDIT Napoli.

Chiesa di Santa Luciella ai Librai, Vico Santa Luciella 5

un dettaglio dei legni cuciti di michele de lucchi

Un dettaglio dei Legni Cuciti di Michele De Lucchi

luca rotondo


Patricia Urquiola all’Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte

Tra le proposte di Made in EDIT la protagonista è ancora Hybrida, la collezione di porcellane nata dalla residenza di Patricia Urquiola all’Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte. Grazie alla vendita dei pezzi unici, presentati nel 2021 e battuti all’asta con Christie’s, è stato possibile restaurare l’orto didattico interno alla scuola, che sarà ufficialmente presentato a ottobre, in occasione di EDIT Napoli 2022. La linea di pezzi replicabili si è invece sviluppata fino a comporre una collezione di porcellane che saranno proposte per la prima volta in fiera in diverse varianti a colori.

Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte, Parco di Capodimonte

alcuni dei pezzi unici della collezione hybrida di patricia urquiola in collaborazione con l'istituto caselli real fabbrica di capodimonte

Alcuni dei pezzi unici della collezione Hybrida di Patricia Urquiola in collaborazione con l’Istituto Caselli Real Fabbrica di Capodimonte

SERENA ELLER


Gli altri progetti speciali di EDIT Napoli 2022

Dicevamo in apertura che il panorama di EDIT Napoli è quello composito di una costa mediterranea, che si delinea tra colori, toni, innesti e sovrascritture. E così alla fiera vera e propria e agli EDIT Cult si aggiungono i progetti speciali che vedono protagonisti luoghi, persone, artisti, aziende anche di ambiti diversi, coinvolti in attività che possano dare risalto alla creazione stessa e ai suoi processi.

Tra questi c’è il risultato della collaborazione tra l’azienda vitivinicola Feudi di San Gregorio e la designer Astrid Luglio: una residenza d’artista dalla quale è nato il progetto del bar che sarà allestito all’interno di San Domenico Maggiore durate la Fiera. E, ancora, la collaborazione con il Design Lab della comunità di San Patrignano: gli allievi del laboratorio, guidati dell’artista Agostino Iacurci, realizzeranno l’allestimento dell’ingresso del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore. Infine, gli studenti dell’Accademia di Design e Arti visive Abadir di Catania si occuperanno dell’allestimento degli spazi del Seminario, la sezione della manifestazione dedicata agli espositori under 30 e alle società costituite da non più di tre anni.

Le date di EDIT Napoli 2022

7 – 9 ottobre 2022
Complesso di San Domenico Maggiore, Vico San Domenico Maggiore 18, Napoli (Italia)



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Design

Next Article:

0 %