Cookingnews

Farina senza glutine, tipologie e proprietà


Pasta, pane, pizza, dolci, sono tutte preparazioni che necessitano dell’utilizzo della farina. Impossibile però per coloro che soffrono di celiachia utilizzare la comune farina di grano oppure di frumento. I celiaci infatti sono intolleranti al glutine, contenuto proprio in questi alimenti. Per fortuna esistono in commercio molte diverse tipologie di farina senza glutine da poter utilizzare al posto della farina di stampo comune. Andiamo a scoprirle insieme.

Quali sono le farine senza glutine e perché sceglierle

Come abbiamo appena avuto modo di osservare, coloro che soffrono di celiachia devono necessariamente rinunciare al glutine, pena il rischio di incorrere in problemi piuttosto gravi all’intestino e a carenze. Anche chi è sensibile al glutine deve rinunciare alla farina di stampo tradizionale, ma non necessariamente per tutta la vita. È infatti possibile dopo un periodo di fermo reinserire il glutine nella propria alimentazione seppur in piccole quantità. Attenzione, chi soffre di queste problematiche deve scegliere esclusivamente farine certificate come gluten free. È infatti possibile che una farina naturalmente priva di glutine venga prodotta in stabilimenti dove si producono anche altre farine. La contaminazione potrebbe quindi comunque avere luogo.

Le farine senza glutine possono essere scelte anche da chi non soffre di celiachia o di sensibilità al glutine? Certo che sì, è anzi consigliabile inserirle nella propria alimentazione. Il glutine non deve essere eliminato del tutto, ma un minore consumo di questa proteina comporta molti benefici per l’organismo. Una dieta senza glutine permette infatti di eliminare il senso di gonfiore e di favorire la digestione. Consente di evitare variazioni repentine di peso. Inoltre contribuisce ad alleviare irritazione, nervosismo, disturbi del sonno, mal di testa.

Farina di avena senza glutine

Come sostituire la farina 00 con la farina senza glutine? La migliore farina senza glutine per pane e altri prodotti da forno è senza alcun dubbio la farina di avena. L’avena è in realtà un cereale che contiene piccolissime quantità di glutine. Come si legge però sul sito dell’Associazione Italiana Celiachia si tratta di un alimento che può essere consumato dai celiaci in completa remissione clinica e serologica che non assumono avena da almeno due anni, ovviamente sotto controllo medico.

È importante scegliere una farina che sia certificata come gluten free, in modo da scongiurare il rischio di contaminazione. Basta sostituire la farina 00 con la stessa identica quantità di farina d’avena senza glutine per ottenere un risultato semplicemente perfetto. È una farina dalle molte proprietà, che permette di aumentare il senso di sazietà, di favorire la digestione e il benessere dell’intestino, di ridurre l’apporto di zuccheri nel sangue.

Farina di sorgo

La miglior farina senza glutine per pizza e pane? Oltre alla farina di avena, dobbiamo senza dubbio ricordare anche la farina di sorgo. Si tratta di un cereale di origine africana, prodotto oggi come oggi per lo più in America. È poco diffuso qui da noi in Italia, è vero, ma è sempre più semplice reperire la farina di sorgo nei supermercati specializzati. È una farina a basso indice glicemico, davvero molto semplice da digerire. Inoltre è ricca sia di vitamine che di sali minerali, un vero e proprio toccasana per la salute.

Farina di mais

La farina di mais è utilizzata per la preparazione della pasta senza glutine, ma anche per le crêpes e le piadine, senza dimenticare le tortillas messicane. Può essere utilizzata anche per la preparazione dei pancake per la prima colazione e ovviamente è l’ingrediente principale della polenta. Buonissimo poi anche il pane di mais. Spesso viene miscelata ad altre farine senza glutine, specie a quelle a base di legumi, per ottenere una migliore consistenza.

Farine di legumi

Quali sono le farine senza glutine a basso indice glicemico? Tra le migliori dobbiamo senza alcun dubbio ricordare le farine di legumi. Le farine di ceci, di lenticchie, di fagioli e di piselli sono utilizzate soprattutto per la preparazione della pasta senza glutine. Possono essere utilizzate però anche per le panature, per addensare salse e sughi, per prodotti da forno salati di vario genere. Sono ricche di proteine e un’ottima fonte di fibre e sali minerali.

farine senza glutine

Alberto GuglielmiGetty Images

Farina di quinoa

Quali sono le farine che non contengono glutine? Le farine di avena, sorgo, mais e legumi sono piuttosto note come farine senza glutine. Non tutti sanno che esiste però anche la farina di quinoa, uno pseudocereale questo che ha molte proprietà benefiche per il nostro organismo. È infatti un’ottima fonte di proteine, di ferro, di fibre. La farina di quinoa è un’ottima farina senza glutine per dolci, ideale però anche per la preparazione del pane e di prodotti da forno salati.

Farina di cocco

Un’ottima farina per dolci senza glutine è anche la farina di cocco, ideale per sostituire la farina di frumento. Si ottiene dalla macinatura della polpa del cocco ed è ricca di fibre, facile quindi da digerire e capace di favorire il benessere dell’intestino. Non solo prodotti da forno, la farina di cocco può essere utilizzata anche nella preparazione dei frullati.

Farina di riso

Quale farina per dolci senza glutine utilizzare come addensante? Senza alcun dubbio la scelta in assoluto migliore è la farina di riso, ideale anche per la realizzazione delle impanature. La farina di riso però, giusto sottolinearlo, è ricca di carboidrati ed ha un indice glicemico molto alto. Inoltre è povera di proteine.

Farina di grano saraceno

Si tratta di una farina prodotta da una pianta della famiglia del rabarbaro, dal gusto piuttosto forte e tendente all’amaro. Non tutti lo sanno, ma è proprio con il grano saraceno che si producono i tipici pizzoccheri valtellinesi. Può essere utilizzata per la preparazione di



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %