Beautynews

Cosmetici in farmacia, ecco perché sceglierli


Cosmetici e farmacia. Da sempre sinonimo di qualità, serietà e affidabilità, il canale farmaceutico è in crescita. I dati relativi alla vendita di cosmetici nell’anno 2021 segnano un +3% (Cosmetica Italia) con un posizionamento di mercato che si rivela più forte dell’e-commerce. 

Alcuni brand come Rougj + hanno scelto fin dalle origini di essere presenti solo in farmacia combinando ricerca scientifica, innovazione tecnologica e prodotti skincare di un certo appeal. Il marchio italiano fondato a Trieste nel 1987 e che prende il nome dalla fusione dei cognomi dei due fondatori (Rou = Russo, gj = Giraldi), è riuscito a svecchiare la concezione dei cosmetici da farmacia, (spesso assimilati ai medicinali) mantenendone intatta la qualità e l’efficacia. 

Perché scegliere i cosmetici in farmacia

I trattamenti skincare si caratterizzano per avere formule altamente performanti, sottoposte a rigorosi test effettuati da medici specialisti per garantirne la massima sicurezza e tollerabilità cutanea. Sono testati nichel, cromo e cobalto: i metalli pesanti responsabili di sensibilizzazione cutanea e allergie da contatto. Il tutto con un ottimo rapporto qualità-prezzo. I brand proposti in farmacia hanno un valore aggiunto: il rapporto diretto con i dermatologi o i medici estetici, che sanno consigliare il prodotto migliore in base alle patologie cutanea e alle esigenze della pelle. 

L’impegno per la sostenibilità

Oggi, l’evoluzione skincare è andata nella direzione della sostenibilità. Per esempio, Rougj ha lanciato la linea SteminelVEG che unisce le proprietà anti-age delle cellule staminali vegetali alla scelta di packaging ecosostenibili, con prodotti che raggiungono fino al 97%di naturalità. Il packaging dei prodotti è composto da una parte in vetro riutilizzabile e da una ricarica che contiene il prodotto di plastica 100%riciclata. L’acquisto di una sola ricarica abbatte l’impatto del prodotto sull’ambiente fino al 66% rispetto all’utilizzo di normali packaging monouso. 

Il futuro della cura della pelle è nei probiotici

Le ultime scoperte tecnologiche in ambito skincare si sono concentrate sull’importanza dei probiotici, attivi adatti a tutte le pelli che aiutano a stimolare i naturali meccanismi di protezione e riparazione dell’epidermide. I pre e pro biotici contenuti nelle formule cosmetiche sono importanti per sostenere e mantenere in equilibrio il microbioma, ovvero l’insieme dei microrganismi buoni presenti sulla superficie della pelle. Per questo la skincare per il microbioma dovrebbe essere uno step essenziale della beauty routine a tutte le età proprio per dare alla cute tutte le risorse di cui ha bisogno per affrontare i fattori esterni, prevenendo squilibri e alterazioni. 

Nella gallery le linee skincare Rougj + dall’efficacia seria e rigorosa con un packaging “leggero”. 



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Beauty

Next Article:

0 %