Designnews

Così la casa si riscalda con eleganza e flessibilità


Primi freddi, si accende il riscaldamento. E si risveglia, tra le mura domestiche, la presenza dei caloriferi, dimenticata durante l’estate. Necessari ma antiestetici, sono stati per lungo tempo interpretati come elementi tecnici da celare, quando possibile, con coperture, che però ne limitavano l’efficienza. Già da alcuni anni, però, le aziende produttrici, con il contributo di architetti e designer, hanno avviato un percorso di nobilitazione estetica dei radiatori, investendoli di inedite valenze progettuali.

Nei caloriferi di ultima generazione bellezza e funzionalità vanno di pari passo grazie a soluzioni che ne aumentano il potere riscaldante, gli utilizzi e anche la flessibilità, attraverso modelli freestanding o mobili.

Tra i progettisti che si sono applicati a questo esercizio c’è anche l’archistar Daniel Libeskind, che ha firmato una linea di radiatori per Antrax IT: si chiama Android ed è una sorta di scultura metallica ricavata da un foglio di alluminio riciclabile al 100% piegato e ripiegato fino a creare una sequenza armonica di facce ed angoli. Una geometria che, oltre al valore estetico, garantisce un’elevata efficienza termica grazie al circuito ottenuto con un sistema di assemblaggio brevettato che permette l’entrata a regime in tempi molto brevi. Disponibile anche a funzionamento elettrico, Android può essere installato in verticale o in orizzontale e ambientato in ogni contesto grazie alle oltre duecento varianti cromatiche.

Sempre per Antrax IT Piero Lissoni si è ispirato alle cialde dolci tipiche del Nord Europa per creare la linea di radiatori Waffle, in cui la superficie della piastra, in fusione di alluminio riciclabile, è modellata tridimensionalmente con il motivo a nido d’ape che caratterizza le cialde. L’idea del designer era di rievocare la memoria dei radiatori in ghisa anche nell’aspetto tattile: a tale scopo per Waffle sono state messe a punto undici verniciature goffrate a polvere, cinque delle quali sviluppate unicamente per questa collezione (Frag, Crag, Lrag, Arag e Mrag). Un maniglione e un gancio porta accappatoio in noce e frassino naturale, esclusivi per questa linea, ne sottolineano il carattere sartoriale, segno peculiare dei progetti firmati Lissoni.

Anche gli architetti Gabriele e Oscar Buratti si sono cimentati nel progetto del termoarredo con due nuove linee, “Ottolungo” e “1000 righe, 100 righe”, per l’azienda Caleido. «Per la sua dimensione e la relativa presenza fisica nell’ambiente interno il radiatore rimane uno degli elementi fondamentali dello spazio e del suo arredo – affermano i progettisti – alcuni progetti lo nascondono, altri lo esaltano come presenza tendenzialmente artistica. La nostra riflessione è stata di pensare il radiatore come un dettaglio di design e carattere, un oggetto da far dialogare con quinte, aperture e luce, materia e colore».



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Design

Next Article:

0 %