Cookingnews

Coriandolo, era aromatica dalle mille risorse


La pianta del coriandolo è un vero e proprio regalo che la natura offre a tutti coloro che amano stare ai fornelli. Le foglie del coriandolo fresco possono infatti essere utilizzate in cucina per la preparazione di molte ricette. Non solo, anche i semi di coriandolo meritano di esser presi in considerazione, semi che possono anche essere trasformati in polvere, in una spezia profumatissima. Il sapore del coriandolo, dobbiamo ammetterlo, è molto pungente. Se siete estimatori di questo aroma, continuate nella lettura per scoprire come utilizzare in cucina questa erba aromatica.

Le proprietà del coriandolo

Prima di andare alla scoperta delle migliori ricette con il coriandolo, cerchiamo di capire quali sono le sue proprietà. A cosa fa bene il coriandolo? Questa spezia ha un importante effetto antibatterico e digestivo. Si tratta quindi di una spezia ideale per favorire la digestione anche delle pietanze in assoluto più pesanti, per contrastare la proliferazione dei batteri cattivi all’interno di stomaco e intestino, per favorire l’eliminazione delle tossine. Inoltre il coriandolo ha proprietà tonificanti e antispasmodiche, senza dimenticare che ha un elevato contenuto di vitamine, sali minerali e fibre. Insomma, si tratta di un vero e proprio toccasana per l’organismo, che permette anche di contrastare il senso di stanchezza e spossatezza.

coriandolo usi ricette

Jennifer Borja / EyeEmGetty Images

La spezia coriandolo, come si usa

Come si usa in cucina il coriandolo? Il coriandolo è molto utilizzato nella cucina etnica. È infatti uno degli ingredienti più importanti in alcune preparazioni indiane come il curry oppure il garam masala, senza dimenticare il pico de gallo, la salsa roja, la salsa quemada tipiche del Messico oppure la zuppa tom yam thailandese. Nel corso del tempo si è diffuso in modo sempre più intenso anche nella cucina occidentale. È un ingrediente fondamentale ad esempio per l’aromatizzazione di alcune tipologie di salsiccia nostrane e può essere aggiunto a zuppe, minestre, condimenti per la pasta, per offrire un sapore più intenso e pungente. Si presta ad essere abbinato ai piatti di selvaggina, ma anche al pesce, senza dimenticare poi i formaggi. Il coriandolo è ideale per rendere le verdure più stuzzicanti. Tra le verdure che meglio delle altre si prestano ad essere condite con il coriandolo, il cavolfiore.

Ricette con coriandolo in foglie

Se volete regalare al cavolfiore un sapore orientaleggiante, ecco una ricetta con le foglie di coriandolo che è senza dubbio eccellente. Avrete bisogno del cavolfiore e di molte spezie ed erbe. Oltre al coriandolo infatti sono necessari semi di senape, curcuma, zenzero, sale e pepe, senza dimenticare poi cipolla, aglio, passata di pomodoro, yogurt bianco, mandorle, salsa di soia e olio.

Come prima cosa dovete tostate i semi di senape (ne bastano una decina) in padella, insieme ad un filo di olio extra vergine di oliva. Aggiungete poi cipolla, aglio e cavolfiore e fate cuocere per qualche minuto. Unite le spezie, la passata di pomodoro, la salsa di soia, l’acqua e fate cuocere per circa 30 minuti. Aggiungete poi lo yogurt e mescolate. A fine cottura cospargete il tutto con il coriandolo tritato finalmente e le mandorle che offrono croccantezza al piatto. È un piatto vegetariano, perfetto da servire come secondo visto il sapore intenso e la presenza di così tanti ingredienti, meglio se accompagnato da qualche fetta di pane tostato.

Il coriandolo fresco in foglie può essere utilizzato anche per la preparazione di un pesto diverso dal solito, una valida alternativa al classico pesto alla genovese che vede invece come protagonista il basilico. Gli ingredienti e il procedimento sono esattamente gli stessi. Le foglie di coriandolo possono essere lavorate con il mortaio oppure con il mixer, a cui si va ad aggiungere olio extra vergine di oliva, pinoli, parmigiano. Pochi semplici ingredienti, per un pesto davvero eccezionale, perfetto per condire la pasta ma anche le bruschette da servire come antipasto o come aperitivo.

La tisana di coriandolo

Con le foglie di coriandolo fresco è anche possibile preparare una tisana. Non dovete far altro che mettere dell’acqua a bollire. Quando arriva ad ebollizione, aggiungete le foglie di coriandolo e lasciate in infusione. Una decina di minuti sono sufficienti, ma potete anche lasciare le foglie in infusione più a lungo se lo desiderate. Più a lungo restano in infusione, più intenso è il sapore della tisana. Filtrate poi la tisana in modo da eliminare le foglie di coriandolo. È una tisana da gustare calda, meglio se con un cucchiaino di miele in modo da ottenere una maggiore dolcezza.

Coriandolo, ricette con i grani o la polvere

È possibile utilizzare anche i grani interi del coriandolo. Sono eccellenti ad esempio per aromatizzare le classiche crocchette di patate, aggiungendo magari anche dello zenzero e del peperoncino. Possono essere aggiunti anche alle polpette di farina di ceci o di verdure. Non solo, i grani di coriandolo sono indicati per lo spezzatino di agnello oppure di vitello. I grani possono essere ridotti in polvere, utilizzando un semplice mortaio, oppure è possibile acquistare la polvere di coriandolo direttamente al supermercato. Questa spezia in polvere può essere aggiunta alla vellutata di zucca insieme a zafferano e zenzero. È perfetta in realtà anche per aromatizzare ogni minestra e vellutata di verdure, specie quelle che hanno un sapore molto dolciastro e hanno bisogno di un po’ di sprint in più. La polvere di coriandolo è perfetta poi per la carne di maiale e per arricchire il condimento delle bruschette per un antipasto diverso dal solito.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %