Designnews

Colore arancione, significato e abbinamenti


il color arancione negli interni

Heritage ImagesGetty Images

L’arancione, colore caldo per eccellenza, è in grado di infondere una sferzata di energia e positività all’interno di una casa. Questo colore, frutto dell’unione del giallo e del rosso, e che deve il suo nome all’agrume omonimo, richiama alla mente i colori e i profumi dell’estate ma anche le note dorate dell’autunno. L’arancione risulta particolarmente versatile grazie alle sue numerose tonalità che spaziano da quelle più delicate come l’albicocca e il pesca a quelle più scure che sfumano verso il mattone, ma in generale è un colore vivace e preponderante, perfetto per dare sfogo alla propria personalità all’interno dell’ambiente domestico.

Arancione, caratteristiche e significato

L’arancione è un colore particolarmente stimolante, associato all’energia e alla realizzazione ed è in grado di trasmettere ottimismo, gioia e complicità ma anche vitalità e forza. Le sue sfumature evocano il calore del sole, del fuoco e nella psicologia del colore, si pensa che l’arancione incoraggi la socializzazione, la tolleranza e ispiri la produttività. Al tempo stesso è un colore che vuole farsi notare, e non a caso è utilizzato nei giubbotti di salvataggio, nei coni stradali o negli indumenti di lavoro ad alto rischio: lo stesso Golden Gate di San Francisco è dipinto di arancio per essere meglio visibile nella nebbia.

Da un punto di vista spirituale è particolarmente legato alle religioni orientali: nell’induismo è il colore della Dea Krishna mentre nel buddismo è il colore dell’illuminazione, il più alto stato dell’anima e non a caso i monaci buddisti indossano questo colore.

Infine, secondo il Feng Shui l’arancione è un colore in grado di infondere pace interiore, fiducia in sé stessi, stimolando saggezza, creatività e socialità e come tale è particolarmente indicato per le aree della casa deputate alla convivialità.

Gli abbinamenti con il colore arancione

L’arancione, nelle sue diverse sfumature che spaziano dall’arancione chiaro all’arancione fluo è una tonalità molto versatile che ben si adatta ai diversi ambienti e stili di arredo. In generale si abbina facilmente al bianco e alle tonalità neutre, per dare un tocco di colore e luminosità all’ambiente, mentre è preferibile evitare l’accostamento dell’arancione con altri colori accesi per non rischiare di appesantire l’ambiente. Per chi ama le tinte scure, l’arancione trova la sua perfetta corrispondenza nelle tonalità del blu, suo colore complementare nella scala cromatica, ma anche nel verde e nel viola.

In unione con il nero e il bianco è perfetto per enfatizzare uno stile moderno e contemporaneo, mentre in abbinamento con il verde salvia o il marrone esalta un arredo in stile etnico.

L’abbinamento dell’arancione, nelle sue tonalità più scure, con le delicate tonalità crema trovano la giusta collocazione in un ambiente minimal che richiama lo stile scandinavo, mentre una sfumatura più accesa come il pesca o il corallo (colore pantone 2019) può essere un’idea originale per arredare una casa in stile mediterraneo. Infine, un abbinamento audace ma intrigante è l’accostamento dell’arancione con il rosa e il viola, per un effetto vintage davvero suggestivo.

fuorisalone 2022 poldi pezzoli nichetto

Come arredare con il colore arancione

Come tutti i colori accesi che stimolano la creatività e il buonumore, l’arancione trova la sua collocazione ideale nella zona giorno, cucina e living in particolare, ma nelle sue sfumature più chiare può essere perfettamente integrato anche nella zona notte.

Una delle soluzioni più diffuse per arredare il soggiorno con il colore arancione è dipingere le pareti, meglio una sola, ad esempio quella dietro il divano, e dipingere le restanti pareti con tonalità più neutre, come il bianco o il beige per un effetto moderno oppure con i colori del terracotta o del mattone per un effetto più caldo e accogliente, perfetto se abbinato a una pavimento in legno scuro come il rovere.

Si dice l’arancione stimoli l’appetito, quindi utilizzare questa tonalità in cucina può essere una scelta interessante. In questo caso, oltre che dipingere le pareti, si può optare per dare un tocco di arancione ai pensili, oppure agli sgabelli, qualora si disponga di una cucina con isola, o ancora ai tendaggi o alla biancheria da tavola. Per un effetto industriale si può giocare con l’abbinamento arancione – nero e unire accessori in metallo o acciaio.

In camera da letto l’arancione potrebbe risultare invasivo, ma esistono diverse soluzioni per chi vuole aggiungere questo colore alla zona notte. Una prima idea è puntare su una tonalità più tenue, ad esempio il pesca optando per un effetto spugnato alle pareti così da smorzare leggermente la vivacità del colore. L’accostamento con i toni chiari del bianco, del beige e del grigio chiaro sono l’ideale per un effetto elegante e sofisticato, mentre accostato con mobili o pavimenti scuri e un tocco di verde dato dalle piante, permette di donare alla stanza un tocco etnico davvero accogliente.

L’arancione rimane invece una delle scelte più diffuse per le camerette dei bambini: è infatti un colore adatto a tutti capace di infondere allegria e positività e rappresenta una valida alternativa ai più classici rosa o azzurro.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Design

Next Article:

0 %