Cookingnews

Cantina Bolzano più green con il rapporto di sostenibilità certificato


Cantina Bolzano compie un importante passo avanti nella sua strategia di sostenibilità: è infatti la prima cantina altoatesina a ricevere la certificazione rilasciata dall’Ökoinstitut Südtirol per il successo nell’elaborazione del Rapporto di sostenibilità secondo i criteri Sdg (Sustainable Development Goals), una serie di 17 linee guida definite dall’Onu che individuano la strategia per ottenere un futuro migliore e più sostenibile per tutti.

L’istituto ha infatti recentemente analizzato la cooperativa, modernissima eppure ricca di storia agricola e tradizione enologica, e ha redatto un dettagliato rapporto di sostenibilità. «Cantina Bolzano sta dando un grande esempio con il suo sguardo verso il futuro», ha affermato Sonja Abrate, vicedirettrice dell’Ökoinstitut.

«Perseguiamo da sempre l’obiettivo di svolgere il nostro lavoro in armonia con la natura», è il commento di Michl Bradlwarter, presidente di Cantina Bolzano, una realtà da 22,7 milioni di euro di fatturato (+2,5 milioni nell’ultimo esercizio) e 3,2 milioni di bottiglie (di cui il 20% vendute all’estero, soprattutto nelle vicine Germania, Austria e Svizzera). «Con il rapporto di sostenibilità stabiliamo in modo chiaro a che punto siamo giunti e come possiamo continuare a produrre vini di alta qualità in futuro assumendoci, allo stesso tempo, una grande responsabilità per le prossime generazioni», ha aggiunto il mastro cantiniere, l’enologo Stephan Filippi.

Il rapporto è un documento che elenca più di 50 misure per un migliore impatto ambientale: dall’ottimizzazione del consumo idrico utilizzando l’acqua piovana fino a colonnine di ricarica aggiuntive per le auto ibride o elettriche di dipendenti e clienti.

Le emissioni di gas serra di Kellerei Bozen sono diminuite del 14% negli ultimi tre anni e un ulteriore miglioramento sarà presto possibile grazie all’impiego di energia solare. Sul lato nord, nel punto più alto dell’impianto di cui è dotata la cantina, sono infatti previsti 1.800 mq di superficie fotovoltaica che dovrebbero generare 300mila kWh di elettricità – un quarto dell’attuale consumo – grazie a un investimento di circa 500mila euro.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %