Businessnews

Amazon punta sull’idrogeno verde: accordo miliardario con Plug Power

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Plug Power, la società che fornisce celle a combustibile per i carrelli elevatori elettrici utilizzati da Amazon e da altre aziende, ha annunciato un importante accordo con Amazon. Il gigante del commercio online infatti intende acquistare migliaia di tonnellate di idrogeno “verde” a zero emissioni di carbonio all’anno, in un affare che include anche un’opzione per l’acquisizione di una partecipazione nella società del valore massimo di 2,1 miliardi di dollari.

In base all’accordo, Plug inizierà a fornire ad Amazon 10.950 tonnellate di idrogeno liquefatto all’anno, che saranno utilizzate per alimentare i trasporti e le operazioni negli edifici, a partire dal 2025. Si tratta del più grande accordo di questo tipo finora concluso dall’azienda di Latham, New York, che prevede di raggiungere un obiettivo di fatturato annuale di 3 miliardi di dollari entro il 2025.

L’obiettivo: idrogeno a zero emissioni

“È un affare enorme… è un affare enorme per l’industria (dell’idrogeno)”, ha dichiarato a Forbes Andy Marsh, amministratore delegato di Plug Power. Oltre al carburante per i carrelli elevatori, Amazon potrebbe utilizzare l’idrogeno anche per alimentare una serie di veicoli utilizzati nelle operazioni di consegna, compresi i camion a lungo raggio. “È il primo passo della volontà di Amazon di usare l’idrogeno su larga scala e sta pensando a tutte le situazioni in cui può utilizzarlo”.

Si prevede che l’idrogeno diventerà una delle principali fonti di energia elettrica, insieme alle batterie, sia per la propulsione dei veicoli che come opzione per la generazione e lo stoccaggio di energia stazionaria. La maggior parte dell’idrogeno industriale, utilizzato per la raffinazione del petrolio, la lavorazione degli alimenti e l’industria chimica, viene attualmente prodotto estraendo l’elemento dal gas naturale, un metodo che produce anidride carbonica. Aziende come Plug, Cummins, Nikola, Nel Hydrogen e molte altre stanno passando a una nuova tecnica che utilizza elettrolizzatori in grado di produrre una forma “verde” di combustibile a partire dall’elettricità, possibilmente da fonti rinnovabili, e dall’acqua, senza emissioni di carbonio dannose per il clima.

L’idrogeno riceve anche una spinta dalla nuova legge sulla riduzione dell’inflazione firmata questo mese dal presidente Joe Biden, che prevede un credito d’imposta per la produzione di idrogeno verde del valore di 3 dollari per chilogrammo di carburante privo di emissioni di carbonio.

Accordo in vista del 2040

Plug, che beneficerà di tale credito, mira a espandere la propria attività di fornitura di carburante a idrogeno e a tal fine sta aumentando la capacità produttiva. Plug ha dichiarato che entro il 2025 sarà in grado di produrre 500 tonnellate di idrogeno verde al giorno nelle strutture del Nord America, rispetto all’obiettivo di 70 tonnellate al giorno fissato per la fine di quest’anno. Entro il 2028, spera di produrre 1.000 tonnellate di idrogeno al giorno.

Amazon ha dichiarato che l’accordo fa parte degli sforzi per ottenere emissioni nette di carbonio pari a zero in tutte le sue attività entro il 2040. L’azienda ritiene che “l’aumento dell’offerta e della domanda di idrogeno verde, come nel caso di questo accordo con Plug Power, avrà un ruolo fondamentale nell’aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi”, ha dichiarato in un comunicato Kara Hurst, vicepresidente di Amazon per la sostenibilità.

Come parte dell’accordo, Plug ha concesso ad Amazon un warrant per l’acquisto di un massimo di 16 milioni di azioni, con un prezzo di esercizio di 22,98 dollari per i primi 9 milioni. Il warrant sarà interamente valido dopo che Amazon avrà speso 2,1 miliardi di dollari in prodotti Plug nell’arco dei sette anni previsti dall’accordo.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.

Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Business

Next Article:

0 %