Cookingnews

Acciughe, proprietà e benefici | Elle


L’acciuga o alice è un pesce azzurro di piccole dimensioni, molto diffuso in tutto il Mediterraneo, ma anche nel Mar Baltico e nell’Oceano Atlantico. Come ogni altro pesce azzurro che si rispetti, è ricco di elementi nutritivi di fondamentale importanza per la salute del nostro organismo. Senza dimenticare poi che le acciughe hanno anche un sapore davvero incredibile, sapido quanto basta per arricchire ogni nostra preparazione in cucina.

Acciughe, non solo fresche

Certo, le acciughe possono essere consumate fresche, appena pescate. Si prestano però anche a diversi tipi di conservazione, in modo da poterle avere sempre a disposizione in casa, in modo da poterle utilizzare come vero e proprio jolly in cucina.

Le acciughe sotto sale hanno bisogno di una lunga lavorazione prima di poter essere immesse sul mercato, di circa infatti 45 giorni. Possono essere conservate a lungo, ma prima di utilizzarle è fondamentale lavarle sotto l’acqua corrente, pena il rischio che risultino davvero molto salate. Non c’è invece bisogno di lavare le acciughe sott’olio, già pronte per essere aggiunte ad ogni ricetta, più semplici quindi da utilizzare. Le acciughe cantabriche sono senza dubbio tra le alici sott’olio in assoluto più pregiate. Anche le acciughe marinate con spezie, vino o limone sono un’altra preparazione interessante, anche se in questo caso i tempi di conservazione sono inferiori. In commercio è poi disponibile anche la pasta di acciughe in tubetti, adatta per insaporire molte ricette in modo semplice e veloce.

Non ha alcuna importanza quale sia il tipo di acciuga che deciderete di portare in tavola. Non ha importanza nemmeno la ricetta che deciderete di preparare, se le acciughe fritte, la pasta con le acciughe, le acciughe ripiene. In ogni caso infatti potrete in tavola un prodotto ad alto valore nutritivo, che fa davvero molto bene al nostro organismo.

acciughe

Naomi RahimGetty Images

A cosa fanno bene le acciughe sott’olio?

C’è una stretta connessione tra acciughe e colesterolo. Non nel senso che le acciughe fanno aumentare i livelli di colesterolo, anzi, è esattamente l’opposto. Le acciughe sono ricche infatti di acidi grassi Omega 3 che permettono di far diminuire i livelli di colesterolo cattivo. Non solo, gli acidi grassi Omega 3 aiutano l’organismo ad evitare l’ipertensione e minimizzano il rischio di incorrere in malattie cardiovascolari. Sono presenti in buone quantità anche la vitamina A e le vitamine del gruppo B.

Le acciughe offrono al nostro organismo elevate quantità di proteine nobili e aminoacidi, senza dimenticare che è eccellente anche l’apporto di sali minerali. Tra i sali minerali presenti in maggiore quantità, il calcio che permettono di mantenere in perfetto stato di salute l’apparato scheletrico. Sono poi presenti ferro, magnesio, fosforo, potassio e sodio, tutti sali ideali per combattere lo stress ossidativo, mantenere l’organismo in perfetta funzione, rendere possibile un corretto rinnovamento cellulare e molto altro ancora. Sono presenti come sali minerali, anche se in minore quantità, anche rame, manganese e selenio. I sali minerali presenti nelle acciughe hanno un altro asso nella manica, permettono di migliorare in modo netto la memoria.

Quante acciughe mangiare? È possibile mangiare fino a circa 150 grammi di acciughe al giorno. Ma si tratta solo di un’indicazione di massima, non di certo di una regola ferrea. Molto dipende anche dal modo in cui si desidera mangiare le acciughe. Se preparate infatti una pasta, userete molto meno acciughe rispetto ad un secondo piatto che deve risultare infatti molto più consistente. Vi consigliamo comunque di non esagerare. Il sapore delle acciughe è infatti molto intenso, proprio per questo motivo esagerando è possibile che vi venga una gran sete.

acciughe

Photo by Félix Girault on Unsplash

A cosa fanno male le acciughe?

Le acciughe di per sé non sono un alimento che ha controindicazioni particolari, se non per coloro che soffrono di gotta o che hanno acidi urici particolarmente elevati. In questo caso meglio evitare il loro consumo oppure chiedere consiglio al proprio medico curante per capire quale sia la quantità adatta per il proprio consumo personale. Importante fare un’altra piccola precisazione. Nel caso in cui vogliate consumare acciughe sotto sale, è bene ricordare che il contenuto di sodio è elevato. Resta tale anche dopo aver lavato accuratamente le acciughe. Non si tratta quindi di un ingrediente adatto per coloro che soffrono di ipertensione.

Le migliori ricette con le acciughe

Sono innumerevoli le ricette con le acciughe che possiamo portare in tavola ogni giorno. Come antipasto potete ad esempio servire le acciughe alla povera, un piatto tipico toscano che prevede di marinare le acciughe in olio e aceto, con l’aggiunta poi di una buona dose di cipolle. Sono buonissime da mangiare così come sono, ancora più buone sopra ad una bruschetta calda. La pasta con le acciughe può essere preparata in molti modi diversi, con acciughe e cipolle, con acciughe e colatura di acciughe, con acciughe e pomodorini, con acciughe e zucchine, con acciughe e pangrattato. Potremmo andare avanti per ore, non c’è davvero alcun limite ai primi piatti che con le acciughe è possibile preparare. Le acciughe possono ovviamente essere servite anche come secondo piatto. Tortino di acciughe, alici alla pizzaiola, alla catanese con olive e pinoli, acciughe tartufate, anche in questo caso le ricette che la cultura gastronomica italiana offre sono numerosissime.



Source link

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più in:Cooking

Next Article:

0 %